Costellazioni Familiari

Approfondimenti

Bert Hellinger

“Coloro che sono chiamate “Pecore Nere” della famiglia, sono in realtà cercatori di cammini di liberazione per l’albero genealogico.

Quei membri dell’albero che non si adattano alle norme o alle tradizioni del sistema familiare, coloro che fin da piccoli cercano costantemente di rivoluzionare le credenze, andando contromano ai cammini segnati dalle tradizioni familiari, quelli criticati, giudicati e anche rifiutati, loro, generalmente sono chiamati a liberare l’albero dalle storie che si ripetono e frustrano generazioni intere.

Le “Pecore Nere”, quelle che non si adattano, quelle che gridano ribellione, loro riparano, disintossicano e creano un nuovo e fiorente ramo nell’albero genealogico. Grazie a questi membri, i nostri alberi rinnovano le loro radici. La loro ribellione è terra fertile, la loro pazzia è acqua che nutre, la loro passione è fuoco che riaccende il cuore degli antenati. Irraccontabili sogni repressi, sogni non realizzati, talenti frustrati dei nostri antenati, si manifestano nella ribellione di tali pecore nere che cercano di realizzarli.

L’albero genealogico avrà la tendenza a mantenere il corso castrante e tossico del suo tronco, il quale rende difficile e conflittuale la vita di tali pecore.

Che nessuno ti faccia dubitare, cura la tua “unicità” come il fiore più prezioso dell’albero. Sei il sogno realizzato di tutti i tuoi antenati.”

Costellazioni Familiari e … oltre: il “nuovo corpo”

“…il corpo fisico non è il nostro unico corpo.
Entro i limiti della forma fisica ordinaria esiste un corpo cosciente sottile, così denominato per il fatto che è intimamente connesso con i livelli di coscienza più profondi.

E’ a partire da questi piani estremamente sottili che viene a emergere l’energia potenziale di saggezza e di beatitudine che, in quanto essenza di ciò che siamo e di ciò che possiamo diventare, è capace di trasformare radicalmente la qualità della nostra vita”. – Lama Yeshe

Conoscere un corpo che è lì da sempre ma ancora inesplorato che può offrirci un’esperienza percettiva, sensoriale profonda che ci permette di sperimentare altre dimensioni e altri spazi, altri luoghi e altri tempi, luci, colori e suoni.

Movimento libero espressivo energetico, respiro, meditazioni e esperienze creative, per sperimentare la pienezza del potenziale del nostro corpo sottile profondo il “corpo cosciente” e andare oltre quel corpo determinato inconsapevolmente da esperienze karmiche e d’infanzia.

Camminare per i nostri avi

Dice Thich Nhat Hanh:

La vostra guarigione va molto più in profondità e più lontano nel tempo e nello spazio di quanto possiate immaginare.

Camminare e abbracciare le vostre emozioni porta la guarigione non soltanto del vostro cuore ma anche del cuore degli avi che vi portate dentro. I vostri genitori, i vostri nonni e tutti i vostri antenati non vi hanno trasmesso soltanto il loro amore e la loro speranza, ma anche le ferite dei loro cuori. L’amore, la gioia, la paura e la rabbia che sperimentate non sono soltanto vostre ma anche loro. Quando siete in grado di tornare nella casa del vostro corpo, della vostra mente e del vostro respiro, riuscite a sentire molto da vicino la presenza dei vostri avi ed entrate in contatto con la loro gioia e il loro amore dentro di voi.

Quando riuscite a sorridere, loro riescono a farlo. Quando riuscite a fare un passo pacifico e amorevole, loro riescono a farlo insieme a voi. Quando riuscite a guarirvi, iniziate a guarire anche loro. E quando le origini e la natura delle vostre ferite vengono comprese e trasformate, siete in grado di trasmettere quella comprensione e quella guarigione ai vostri figli, ai vostri nipoti e alle generazioni future.

Tratto da “La Pratica della Meditazione Camminata” di Thich Nhat Hanh, Nguyen Anh-Huong

Riconciliarsi è un miracolo,
vuol dire ricomincia­re da capo,
ad ogni istante,
come il sole
che sorge nuovo og­ni giorno.
Vuol dire fare la pace
prima di tutto con se stes­si,
vedere le stesse cose
con gli occhi nuovi
della profonda comprensione.
Thich Nhat Hanh

Robert Adams racconta

(discepolo di Ramana Maharshi)

“…mi ritrovai a fondermi in un radioso essere di coscienza… non ero il mio corpo.

Quello che sembrava essere il mio corpo non era reale. Sono andato oltre la luce nella pura coscienza radiosa. Sono diventato coscienza e la mia individualità si è fusa in pura e assoluta felicità. Mi sono espanso e sono diventato l’universo. La sensazione era indescrivibile. Era totale felicità e gioia totale.”

Leggi tutto il post su: https://www.facebook.com/groups/1634227180191981/permalink/2481632858784738/

I Campi Morfici di R. Sheldrake e le Costellazioni Familiari

B. Hellinger ha applicato alle Costellazioni Familiari il principio dei campi morfici studiati e descritti in numerosi esperimenti da R. Sheldrake. Anche i membri delle Famiglie sono tenuti insieme e mossi da un’energia.

Un campo sociale organizza e coordina il comportamento degli individui che lo compongono, per esempio il modo in cui ciascun uccello vola all’interno dello stormo.

Sheldrake ha introdotto l’ipotesi che sia la struttura sia i comportamenti caratteristici di tutti i sistemi chimici, fisici e biologici esistenti in natura, siano guidati e plasmati da campi organizzativi, da lui chiamati appunto campi morfici, che, come una mano invisibile, agiscono attraverso lo spazio e il tempo.

Bert Hellinger, l’ideatore del metodo delle Costellazioni Familiari, ha trovato che gli stessi principi sono perfettamente applicabili ai gruppi familiari.

Così nello svolgersi della Costellazione ci si avvale delle informazioni che il “campo familiare” offre, attraverso l’osservazione fenomenologica del campo stesso e dei partecipanti.

La Sindrome del Gemello Scomparso

Il gemello che non sapevi di aver avuto

Alfred R. e Bettina Austermann

Sapevi che una gravidanza su dieci inizia con più embrioni? Perlopiù essi scompaiono, a volte prima ancora della prima ecografia, a volte molto dopo. Uno solo di essi nascerà.

La psicologia prenatale ha scoperto che il feto, persino allo stato embrionale, soffre enormemente per questo lutto così precoce, che, per milioni di persone, sarà per tutta la vita la causa di uno struggimento, di un malessere profondo, talvolta di grande aggressività e irrequietezza, o addirittura di un senso di colpa per essere al mondo e di un desiderio di morte.

E’ la sindrome del gemello scomparso, da cui si può guarire solo se prima la si è riconosciuta. Come riconoscerla e come guarirla (con le Costellazioni familiari ed altri metodi) è il contenuto, ricchissimo di casi, di questo libro giunto ormai alla sua terza edizione e tradotto in 6 lingue.

1 su 10 di noi potrebbe essere uno di questi gemelli sopravvissuti, e non sapere da dove viene il suo “inguaribile” disagio di vivere…

Edizioni Amrita ➤

Metagenealogia

Il lavoro sulla meta

Alejandro Jodorowsky – Marianne Costa

(…) Per contrastare la tendenza all’autodistruzione, l’albero genealogico genererà uno o più discendti coscienti che lo salvino da se stesso. Paradossalmente, questi mutanti dell’albero genealogico sono sovente considerati come pecore nere dalla loro famiglia: se ereditare dall’albero significa perpetuare un basso livello di Coscienza, il discendente in cerca di un senso sarà rifiutato dalla famiglia, in un primo tempo.

La Coscienza progredisce solo se incontra degli ostacoli. Per evitare che una malattia invada un’organismo in cui si è manifestata, ci vogliono degli anticorpi. Vi sono aspetti del passato che frenano l’avanzata della Coscienza, e viceversa la Coscienza lotta contro l’inerzia del passato. Si produce così nell’albero un equilibrio tra le personalità: alcuni discendenti, apparentemente sbucati dal nulla, arrivano a correggere la tendenza patologica dell’albero genealogico verso questa o quella forma di inerzia. Ed è così che uno scienziato può essere il salvatore di un’albero di artisti, e un’esperto di finanza può rigenerare un’ albero pieno di bohémien irresponsabili … o viceversa.

Avendo osservato un grande numero di alberi genealogici, abbiamo notato che funzionano secondo un sistema di equilibri che consente a personalità contraddittorie di emergere, talvolta a generazioni di distanza, come se il destino degli uni andasse a compensare quello degli altri. E così si può trovare un santo in un ramo dell’albero e un’assassino in un altro; un albero cui è stata preclusa ogni soddisfazione sessuale può produrre nelle generazioni successive persone dalla sessualità molto energica, e così via.

Per chi si sente la pecora nera del suo albero, può essere rassicurante rendersi conto che incarna un potenziale assente in tutta la genealogia, di cui l’albero ha bisogno per riequilibrarsi.

Seminari residenziali

Approfondimenti

  • Non ci sono eventi

Costellazioni Familiari Evolutive a VERONA

  • Non ci sono eventi

Gruppi di Consapevolezza Corporea Meditazione Tecniche di Rilassamento e Antistress

Ricaricati di energia

Elimina stress e stanchezza con movimenti e respiro

Riposa nella tua pace interiore

I gruppi si svolgono a Roma

è possibile richiedere incontri individuali, a coppie o in piccoli gruppi

Sono già attivi due volte la settimana

per informazioni e prenotazioni

Incontri individuali di Counseling e Costellazioni Familiari Evolutive

Per approfondire o richiedere informazioni è possibile compilare il modulo della pagina Contatti

Segui su :

Share This